Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.manoweb.com/home/wifi/blog/wp-includes/cache.php on line 33 802.11

42Km!!!

October 9th, 2006

Bene, finalmente dopo tutta una serie di problemi legati alle avverse condizioni metereologiche, con il bel tempo di questi giorni abbiamo realizzato un bel collegamento dal Cornizzolo fino al Sasso Canale, attraversando tutto il Lario:

Abbiamo usato la nuova schedina Ubiquiti LS2, che ci ha dato qualche grattacapo, ma alla fine e’ riuscita a darci un collegamento la cui velocita’ era compresa fra 18 e 20Mbps!
Abbiamo creato una galleria di immagini.

Arriviamo ai dettagli tecnici. Ci sono due cose da pianificare in un collegamento di questo tipo, prima di tutto e’ fondamentale capire se esiste la portata ottica (in teoria basta guardare, nebbia permettendo) e che la zona di Fresnel sia libera ; dopodiche’ occorre verificare che il segnale possa arrivare a destinazione sufficientemente forte.

  1. I due punti sono a 42Km di distanza, ad una altitudine di circa 1550 e 1100 metri. In mezzo c’e’ il lago, ad un’altezza di circa 200m, ma in alcuni punti sono presenti costoni montuosi. Il raggio della zona di Fresnel si calcola con .5*sqrt(d*l), con d=42Km ed l (lunghezza d’onda) = 0.12m. Il risultato e’ circa 35m; non ci sono punti cosi’ alti da entrare in questa zona.
  2. L’attenuazione di 42Km sui 2.4Ghz si attesta intorno ai -133dB. Disponendo di due antenne da 24dBi e di potenze di uscita intorno ai 20dBm (la LS2 ne ha 26! 400mW), anche contando 3dB per parte in perdite, si arriva a circa -51dBm, sufficienti per collegamenti 802.11g, ovvero a piu’ di 11Mbps.

In effetti, dato che forse ultimamente le antenne sono state un po’ strapazzate, il segnale rilevato era un po’ peggiore, sui 60dBm, ma ci ha consentito comunque dei transfer rate reali di 18/20Mbps, misurati con netperf.

Tentativo non riuscito

September 26th, 2006

Il gruppo che ha eroicamente raggiunto la vetta del Pizzo Martello, dopo una notte in tenda a 2150m, sotto la pioggia ed immersa in una nuvola che restringeva la visibilita’ a pochi metri, ha dovuto rinunciare all’esperimento date le avverse condizioni metereologiche. Freddo, pioggia, rocce scivolose, insomma questa battaglia e’ stata vinta dalla montagna. Pizzo Martello, ci rivedremo in primavera…

Nel frattempo, proseguiremo i nostri esperimenti prendendo come riferimento localita’ piu’ adatte al clima autunnale. Il prossimo collegamento a lunga distanza e’ previsto per Domenica 01 Ottobre, dal Cornizzolo ad una localita’ ancora da definire nell’alto Lario.

Potete vedere il comunicato stampa.

Al piu’ presto, uno dei partecipanti alla missione spero faccia pervenire un resoconto dettagliato di quanto e’ successo.

Collegamento wireless sul Lago di Como

September 11th, 2006

Domenica, 24 Settembre 2006, il gruppo “Manoweb.com” tenta un collegamento via radio fra computer posizionati sul Monte Cornizzolo ed il Pizzo Martello - ad oltre 44Km di distanza. Si tratta di uno dei più importanti esperimenti di questo tipo mai realizzati in Italia.

La rete ad alta velocità consente la videochiamata fra i due gruppi, lo scambio di dati e l’accesso ad Internet. In questo modo vogliamo raggiungere con la tecnologia una delle catene montuose più remote della zona Lariana, attraversando il lago per tutta la sua lunghezza.

Un gruppo partirà sabato 23 settembre per una vera e propria spedizione sulla catena montuosa del Muncech: partenza da Gravedona e, dopo diverse ore di cammino, raggiunge il Rifugio Como presso il lago Darengo per il pernottamento. Nella mattinata di domenica 24 prevediamo il raggiungimento della Vetta del Pizzo Martello, a 2450 metri di quota. Contemporaneamente l’altro gruppo si organizza sulla vetta del Monte Cornizzolo; predisposte le apparecchiature e le antenne si dà inizio al collegamento, previsto per le ore 10:30.

La particolarità dei luoghi scelti sta nel contrapporre la zona del Cornizzolo, che domina sull’alta Brianza ed il Lecchese, con l’ambiente selvaggio e privo di insediamenti del Muncech. Con questo esperimento intendiamo dimostrare la possibilità di portare in qualsiasi luogo - anche il più isolato e non coperto dalle reti telefoniche - un veloce collegamento ad Internet, per esempio presso i rifugi alpini.

Il team principale di Manoweb.com è composto da Gianpietro Ferrario e Gigi Fumi di Dolzago, Riccardo Rodella di Molteno ed Alessio Sangalli di Calolzio: radioamatori con la passione per la montagna.

Informazioni più dettagliate sull’attività del gruppo al sito web:
http://lnx.manoweb.com/wifi/blog
Indirizzo e-mail: alesan@manoweb.com

Versione PDF

Pizzo Martello

August 6th, 2006

Mi sono recato, approfittando di una giornata libera, al Pizzo Martello. E’ stata dura, durissima, per me che ho un ginocchio abbastanza infortunato.

In breve, si parte da Calolzio alle 4 di notte. Si arriva in localita’ Dangri (sopra Gravedona) e si lascia la macchina. Prima una mulattiera spacca-gambe, poi una lunga camminata nel bosco, poi se ne esce, e si arriva in tre ore alla Capanna Como, graziosissimo rifugio non presidiato, in prossimita’ del lago Darengo.

Siamo a meta’, e la parte piu’ semplice e’ appena finita. Si sale al passo dell’Orso, antica via di contrabbando, poi si va su e giu’, infine si arriva su una serie di grandi sassoni dove non esiste piu’ un sentiero ufficiale. Questi sono luoghi insolitamente selvaggi, per qualche strano motivo questa zona bellissima e’ rimasta molto isolata rispetto alle montagne che stanno solo a qualche decina di Km di distanza.

Si risale duramente la cresta che conduce al Pizzo Martello. La vista e’ impressionante, con un binocolo (ma anche ad occhio nudo) si vedono le antenne del Cornizzolo!

http://www.arierba.it/testo2.php?codice=oo44d60d243f6bf

Il ritorno e’ stato una tortura. Ho pregato il Buon Gesu’. Il mio ginocchio deve essere riparato al piu’ presto…

Un grazie speciale all’amico Claus_ che probabilmente ci accompagnera’ nel prossimo futuro verso nuove avventure… :)

Non line of sight

August 6th, 2006

Bene, abbiamo rotto il tabu’ della portata ottica. Abbiamo collegato l’abitazione di Gianpietro IZ2GOJ con l’ufficio di suo padre IW2GLJ a poco piu’ di 900 metri di distanza, ma con una mezza collinetta, alberi ed un edificio davanti. Ci siamo sorpresi, a dire il vero: un puntamento sommario dell’antenna lato ufficio, poi siamo saliti sul tetto dell’abitazione, anche qvi un puntamento sommario, ed un link di 11Mbps al primo colpo. Notevole!

Volete vedere alcune fotografie?

Fanno molto le nostre antenne da 24dBi. Per una installazione permanente abbiamo deciso di procurarci delle direttive Yagi, sicuramente meno invasive. Vedremo quali saranno i risultati…

Cornizzolo <-> Calolziocorte (11Km) con omnidirezionale

August 6th, 2006

Guardate le foto!

http://www.arierba.it/foto2.php?codice=oo44d5f9317943f&pagina=3

Un collegamento di 11Km non e’ ormai cosa in grado di spaventarci, tuttavia abbiamo per la prima volta tentato di usare un’antenna omnidirezionale. Infatti, e’ probabile riusciremo a sistemare vicino al casotto del ponte R2a sul Monte Cornizzolo - Corni di Canzo una postazione fissa con antenna verticale.

Dovremo pero’ ricordarci di impostare la direttiva in polarizzazione verticale; avendola lasciata durante questi test in modo orizzontale, anche la omni e’ dovuta rimanere tale, pena la perdita istantanea del collegamento. C’e’ anche da dire che la direttiva che ho lasciato a casa sul balcone era puntata sommariamente e soprattutto non c’era nessuno a correggere: ritengo quindi il collegamento di oltre 1Mbps pienamente soddisfacente. Con antenne ed un setup migliore potremo fare cose carine… :)

25Km! - Cornizzolo <-> Vimercate

July 28th, 2006

Le foto dell’evento:

http://www.arierba.it/testo2.php?codice=oo44ca1c00d5891

Bene. Giusto ieri sera io Alessio IZ2GMV e Gianpietro IZ2GOJ ci siamo messi d’accordo per sfruttare la sua mattinata relativamente povera di impegni lavorativi: si sarebbe recato al lavoro con l’ingombrante antenna ma, prima di iniziare a sgobbare, avrebbe cercato un posticino da cui fare qualche esperimento.

Questa mattina, si sono subito profilati un paio di problemi. Prima di tutto, Rich IW2NHC aveva con se’ il “piede” nel quale infilare il palo; la visibilita’ non era delle migliori e, sul Cornizzolo ci sono in corso le prove per il mondiale di Parapendio.

Tuttavia abbiamo trovato rimedio a tutto; il puntamento con relativa “registrazione” dell’AP client e’ stato immediato, ma non avevamo settato correttamente il wl0_distance, che permette agli AP di ritardare i timeouts che inevitabilmente si verrebbero a creare ad una distanza cosi’ considerevole: 25Km. Il ping non funzionava.
Una volta impostato il parametro, abbiamo avuto la pessima idea di muovere contemporaneamente la direzione delle antenne, per cui ci siamo trovati scollegati; dopo un dieci minuti di piccoli tentativi, abbiamo riguadagnato il link.

I primi test con netperf hanno evidenziato un transfer rate di 380Kbps, dopotutto come una vecchia ADSL. Io non ho piu’ toccato l’antenna, ma i “ritocchi” al puntamento dell’antenna di Gianpietro hanno reso possibile velocita’ sempre piu’ elevate fino a 1.7Mbps. Ricordo, su 25Km. Ora mi viene il dubbio che, se anche io avessi provato ad allineare meglio… Insomma.

84 mW (19dBm) = 1.69 Mbit/s
50 mW (17dBm) = 1.67 Mbit/s
25 mW (14dBm) = 1.73 Mbit/s
12 mW (11dBm) = 0.83 Mbit/s
6 mW (8dBm) = 0.66 Mbit/s
3 mW (5dBm) = 0.69 Mbit/s
1 mW (0dBm) = 0.62 Mbit/s

Non siamo perfettamente sicuri che queste impostazioni software per variare la potenza rispecchino dei valori reali, sta di fatto che… in teoria le nostre antenne 24dBi sono sovradimensionate, e sarebbe possibile usare antenne piu’ compatte, cosa interessante da fare domani…
In conclusione:

  • ricordarsi i vari parametri tra cui wl0_distance
  • il puntamento fine delle antenne richiede il suo tempo. I risultati possono migliorare sensibilmente.

ciao

IZ2GMV

Ca’ Nova

July 13th, 2006

Oggi sono andato a fare un sopralluogo sulle alture sopra Erba, per verificare come sia possibile collegare la sede della Sezione ARI con il monte Cornizzolo.

Sono salito al ristorante Ca’ Nova ed ho potuto constatare che… ci sono dei pini che bloccano di pochissimo la visuale. Non so se salendo sul tetto del ristorante la situazione possa migliorare, ma occorre tenere presente i guai che si provocano se ci sono ostacoli troppo vicini alla zona di Fresnel. Occorrera’ sperimentare :) tuttavia, poco sotto al ristorante, ci sono zone molto piu’ aperte senza alberi e - sembrerebbe - piuttosto comode.

Da li’ la visione delle antenne del Cornizzolo, comunque, e’ ottima.

IZ2GMV

13Km

July 11th, 2006

Sono appena tornato dalla notte passata in vetta al Monte Cornizzolo. Ieri sera abbiamo coronato un altro piccolo successo, riassunto nelle righe seguenti:

Collegamento di piu’ di 13Km fra il Monte Cornizzolo ed il parcheggio del cimitero di Barzano’ (vicino alle piscine).

Io, Alessio IZ2GMV, sono andato sul Cornizzolo, munito di tenda e sacco a pelo. Volevo testare l’attrezzatura nuova dato che il prossimo weekend campeggeremo in Val Gerola in occasione della Skyrace che si tiene nella valle.

Al parcheggio del cimitero di Barzano’ si sono trovati Gianpietro IZ2GOJ, Rich IW2NHC, Gigi IW2NYG, con Ivano e Laura in veste di osservatori :)

All’inizio ho subito riscontrato diversi problemi: non volevo stare troppo vicino al rifugio, per non destare sospetti o allarmismi. Avevo da montare la tenda, un modello nuovo che montavo per la prima volta. Alle 2030 c’era ancora luce, che mi avrebbe consentito di montare facilmente il tutto, ma rendeva difficoltoso il “trovare” la mia controparte giu`, quasi sulla pianura.

Intanto che gli altri andavano a mangiare al termine della lunga ed estenuante giornata lavorativa e contemporaneamente preparavano l’attrezzatura, ho montato tenda, antenne, apparati, computer. Non appena ha iniziato a fare un po’ piu’ buio, ho chiesto ad Ivano di segnalarmi la sua posizione con i fari della macchina: ebbene, a 13Km ad occhio nudo e’ stato semplicissimo trovare la loro posizione!

Ho perfezionato la tecnica di puntamento usando come riferimento l’illuminatore e dei riferimenti sulla griglia dell’antenna gregoriana. Gli apparati pero’ non ne volevano sapere di parlarsi fra di loro. Ad un certo punto mi e’ venuto in mente di testare i parametri di sistema: e’ saltato fuori che sia io che loro avevano delle configurazioni sbagliate. In particolare nella loro postazione era stata selezionata l’antenna sbagliata: alimentavano infatti il gommino, non la gregoriana 24dBi!!! Io avevo alcuni errori nel ssid e nel canale, una volta corretti il collegamento e’ avvenuto quasi istantaneamente :)

I transfer rate sono stati piuttosto buoni, con il programma netperf abbiamo potuto constatare che, affinando il puntamento, si potevano tranquillamente passare i 4Mbps di banda. Abbiamo scelto il canale 4, che rimane sempre nella banda radioamatoriale, perche’ ci dava il miglior livello di segnale e transfer rate. Abbiamo anche attivato il modo “afterburner”, una specifica Linksys per incrementare la velocita’. Per riassumere:

  • canale 4
  • signal level -67dBm
  • noise level -87dBm
  • transfer rate 4.02Mbps

Non e’ da escludere che si possano raggiungere valori ancora migliori con un puntamento piu’ fine.

Abbiamo anche voluto fare delle prove in QRP, per simulare l’uso di antenne meno efficienti; ebbene, siamo scesi fino ad un ipotetico TX power di 1mW (0dBm) ed il link ci dava ancora piu’ di 2Mbps di banda :) Chiaramente il vero esperimento sara’ con antenne verticali omnidirezionali, a questo punto.

IZ2GMV

L’esperienza da Barzano` e` stata meno faticosa dato l’alto numero di partecipanti e la conseguente divisione dei compiti. Il sito scelto per la prova e` stato valutato ottimamente, visto che avevamo a disposizione un tavolo, panche e tutto il necessario per portare l’antenna li` vicino, fissarla con dei massi al terreno e poter giostrare comodamente al notebook e alla radio. Il tutto condito dalla gradevole compagnia dei gialdoni et regolari del parchetto a pochi metri da noi che ci fissavano con i loro occhi pieni di sbigottimento.
A parte i problemi iniziali di misunderstanding di settaggio dei parametri degli AP, le prove si sono dimostrare soddisfacenti. Ma e` molto probabile che i risultati possano essere migliori: innanzitutto non mi convince affatto il puntamento fatto visualmente. Gia` dalle prove di collegamento da casa di IZ2GOJ al Cornizzolo si era notato come il puntamento fatto “ad occhio” dell’antenna portava ad avere un’elevazione molto diversa (sbagliata!) rispetto al puntamento di un telescopio fisso sull’esatta posizione della controparte.

Ieri sera, grazie al meticoloso e pignoloso lavoro di GOJ, si e` visto che il trasferrate piu` alto si aveva quando l’antenna non stava puntando (forse?) il Monte ma aveva un’elevazione MOLTO piu` bassa, quasi a cercare la pianura sottostante.

Per la prossima esperienza propongo un’uscita con i telescopi da entrambe le parti, chissa` che non si riesca a raggiungere risultati ancora migliori!

IW2NYG

Alternative

July 9th, 2006

Ieri ho fatto un sopralluogo nella zona Barzano`/Monticello, in cerca di un sito alternativo a Montevecchia, nel caso che non ci sia la visibilita`.

Un ottimo luogo sarebbe vicino alle piscine di Barzano`: da quella zona la visibilita` del monte Cornizzolo e` perfetta, visto che in linea d’aria non c’e` davanti proprio nulla. Purtroppo dal parcheggio delle piscine non si puo` fare perche` ci sono delle altissime rubinie che farebbero ombra sull’antenna. Pochi metri (non piu` di 200) piu` sopra, piu` avanti sulla strada, in direzione Monticello, c’e` il parcheggio del cimitero, dal quale la visibilita` e` ottima.

Dovrebbe essere un’ottima location alternativa perche` dal cornizzolo penso sia facile riuscire a trovare quel posto (utilizzare come punti di riferimento Villa Greppi, le piscine di Barzano`, varie ed eventuali) .

IW2NYG